AGGIORNAMENTO: AVVIO DOMANDE POSTICIPATO AL 14 FEBBRAIO 2020

Il Centro Regionale di Programmazione comunica che il termine di avvio per la presentazione delle domande di richiesta di accesso al Fondo di Fondi Emergenza Imprese Sardegna (Fondo) per il tramite del Banco di Sardegna S.p.A., primo Intermediario finanziario selezionato e operativo, è posticipato al 14 settembre 2020.

> PROROGA PRESENTAZIONE DOMANDE


AGGIORNAMENTO: Determinazione del Vice Direttore del Centro Regionale di Programmazione n. 5579/670 del 07.08.2020

Il Centro Regionale di Programmazione comunica che a far data dal 7 settembre 2020 sarà possibile presentare le domande di richiesta di accesso al Fondo di Fondi Emergenza Imprese Sardegna (Fondo) per il tramite del Banco di Sardegna S.p.A., primo Intermediario finanziario selezionato e
operativo, e secondo quanto previsto dall’Avviso.

Il modulo per la presentazione delle domande sarà reso disponibile dal Banco di Sardegna S.p.A. e potrà essere scaricato dalle ore 12.00 del 2 settembre 2020 all’indirizzo: https://www.bancosardegna.it/?redirect=%2Ffondo-emergenza-imprese&refererPlid=823489232&p_l_id=232264822

Il modulo potrà essere trasmesso a partire dalle ore 12.00 del 7 settembre 2020 alla PEC: fondoemergenza.bancosardegna@pec.gruppobper.it

Con successiva comunicazione sarà attivata la presentazione delle domande anche per il tramite del secondo Intermediario finanziario selezionato.


 

La Regione Sardegna, con Determinazione n.5579 del 07/08/2020, ha approvato l’Avviso “Misure urgenti per il sostegno al sistema produttivo regionale in concomitanza con la crisi epidemiologica Covid-19″. FONDO DI FONDI EMERGENZA IMPRESE SARDEGNA – D.G.R. n. 29/24 del 12.06.2020.                                                                                                                                                             

Beneficiari

Possono beneficiare degli interventi di sostegno all’attività di impresa attraverso prestiti e sovvenzioni le Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) e le Grandi Imprese (GI), che dimostrano di aver avuto ricadute negative a seguito dell’emergenza legata al Covid-19, o che rappresentano la necessità di realizzare investimenti per garantire la continuità o il rilancio delle attività di impresa.

Iniziative ammissibili e contributi

L’Avviso definisce le modalità di accesso agli interventi di sostegno all’attività di impresa previsti dal Fondo di Fondi “Emergenza Imprese Sardegna” (Fondo), che rientrano tra le misure urgenti per il sostegno al sistema produttivo regionale in concomitanza con la crisi epidemiologica Covid-19, di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale n. 13/11 del 17.03.2020.

Gli interventi di sostegno sono indirizzati a favorire sul territorio regionale la ripresa economica delle attività imprenditoriali, migliorando la solidità finanziaria delle imprese e contrastando l’effetto negativo generato dalle misure di contenimento della diffusione del COVID-19, che ha determinato un deterioramento delle condizioni economico-finanziarie delle imprese.

Il sostegno è attuato attraverso la combinazione di prestiti, per liquidità o per investimenti, e sovvenzioni, concessi secondo le condizioni stabilite dal “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19” (Quadro temporaneo), con riferimento alle Sezioni 3.1 e 3.3, e dagli articoli 54 e 56 del Decreto legge n. 34 del 19.05.2020 “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il Fondo opera su linee di finanziamento di breve, medio e lungo temine dedicate a:

  1. investimenti, sotto forma di prestiti per il sostegno e il rafforzamento della produzione delle imprese impegnate direttamente al contrasto del Covid-19 o appartenenti alle filiere strategiche per le quali occorre garantire il mantenimento della capacità produttiva a livello regionale
  2. liquidità (capitale circolante), sotto forma di prestiti per il supporto alle spese operative e di gestione, generate da esigenze di liquidità e per sostenere le imprese nella fase di rilancio delle attività.

Per promuovere e facilitare l’accesso al credito, è possibile attivare, su espressa richiesta da parte dell’impresa, la linea sovvenzioni che consente di affiancare il prestito con l’erogazione di un sussidio, secondo le condizioni previste dalla Sezione 3.1 del Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19.

I settori esclusi dall’intervento del Fondo sono indicati all’art. 5 dell’avviso in oggetto.

Per le finalità di cui all’Avviso in oggetto, è prevista una dotazione di risorse pubbliche pari a euro 100.000.000, così suddivise:

  • euro 60.000.000 di risorse comunitarie del POR FESR 2014-2020 – Asse III “Competitività del sistema produttivo”
  • euro 40.000.000 di risorse regionali di cui alla Legge regionale n. 20 del 13.07.2020

Per il settore dei Servizi per il turismo è prevista una riserva del 40% delle risorse pubbliche a disposizione del Fondo.

Le risorse a disposizione per l’erogazione delle sovvenzioni sono pari a euro 10.000.000.

I prestiti si distinguono in due macro categorie:

  • prestiti per liquidità con durata massima di 15 anni, compresi 24 mesi di preammortamento;
  • prestiti per investimenti con durata massima di 20 anni, compresi 24 mesi di preammortamento.

L’importo massimo del prestito è pari a euro 5.000.000 per singola impresa.

Nel caso di impresa unica (intendendo per impresa unica sia l’azienda che ha richiesto l’agevolazione sia l’insieme delle imprese ad essa collegate), l’insieme dei prestiti concessi non può superare l’importo di euro 10.000.000.

Per ciascuna macro categoria possono essere attivati i prodotti finanziari descritti nella tabella 1 di seguito indicata, nel caso di prestiti con un importo massimo pari a euro 5.000.000.

Prodotti finanziari Beneficiari finali Importo totale prestito Durata prestito Interessi Fonte finanziaria pubblica
Prodotto 1 Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI)

 

Grandi Imprese (GI)

Sino a euro 800.000 Sino a 15 anni per i prestiti per liquidità (capitale circolante)

 

Sino a 20 anni per i prestiti per investimenti

Nessun interesse secondo quanto stabilito dalla Sezione 3.1 del Quadro temporaneo Fondi UE (nel caso di MPMI) o risorse regionali (nel caso di GI)
Prodotto 2 Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI)

 

Grandi Imprese (GI)

Sino a 5.000,000 euro Sino a 15 anni per i prestiti per liquidità (capitale circolante)

 

Sino a 20 anni per i prestiti per investimenti

Operazione a tassi agevolati secondo quanto stabilito dalla Sezione 3.3 del Quadro temporaneo (nel caso di prestiti con durata massima pari a 6 anni) oppure operazioni a condizioni di mercato (nel caso di prestiti con durata superiore ai 6 anni) Il beneficiario può richiedere una sovvenzione fino a un massimo di euro 800.000 (fornita tramite fondi regionali) per facilitare l’accesso al prestito che deve essere richiesta contestualmente al prestito Fondi UE (nel caso di MPMI) o risorse regionali (nel caso di GI)

 

Ad integrazione dei prodotti finanziari, nel caso di richiesta di finanziamento superiore a euro 5.000.000, limitatamente alla quota superiore a tale importo, la SFIRS S.p.A. potrà, anche in forma di pool con gli intermediari finanziari, a condizioni di mercato, nel rispetto dei limiti del 25 % del fatturalo o del doppio del costo del personale misurato al 2019, come previsto dalla Sezione 3.3 del Quadro temporaneo, procedere alla concessione di tale importo ulteriore. Le modalità operative saranno comunicate sul sito della SFIRS S.p.A. (www.sfirs.it).

Procedure e termini

La domanda di accesso alle agevolazioni dovrà essere presentata dalle imprese tramite PEC agli indirizzi resi disponibili dagli Intermediari finanziari selezionati che provvederanno all’erogazione dei prestiti.

Gli indirizzi PEC e le modalità di presentazione delle domande saranno pubblicati nella pagina del sito della Regione Autonoma della Sardegna dedicata al Fondo mediante successivo specifico avviso 3.

Le domande potranno essere presentate dalle ore 12.00 del 01.09.2020 e comunque a seguito della formalizzazione degli Accordi operativi tra la Banca Europea per gli Investimenti e gli Istituti di credito selezionati.

Riferimenti normativi

Determinazione n. 5579 del 07/08/2020

Share This